Agricoltura Umbra
Scommessa sulle Nocciole Umbre

Eccellenze 10 feb 2019

Agricoltori attenzione, in Umbria c'è una coltivazione che potrebbe fare la vostra fortuna. Una pianta che produce una materia prima molto ricercata dalle grandi multinazionali del cioccolato e snack, e che interessa anche le pasticcerie di qualità di tutto il Paese. 
Stiamo parlando della produzione della nocciola, su cui stanno concentrando gli interessi della Ferrero e della Loacker, che tramite Coldiretti e Intesa San Paolo vogliono presentare un progetto di collaborazione con le imprese agricole del territorio, con l'obiettivo di arrivare a fissare su un prezzo minimo garantito, e a premiare quegli imprenditori agricoli capaci di esprimere produzioni di eccellenza.

Un ettaro di noccioleto - ricorda Coldiretti - ha una capacità produttiva variabile tra i 20 ed i 25 quintali per ettaro; il prezzo medio delle nocciole degli ultimi 10 anni è stato in media di 250 euro al quintale. In condizioni agronomiche adeguate, il noccioleto entra in produzione al quinto anno, raggiungendo la produzione di regime dall’ottavo-nono anno.
La vita di una pianta di nocciolo monocaule è stimabile in 40/50 anni. Insomma un investimento che diventa sempre più fattibile dopo l'ingresso in Umbria di grandi acquirenti che sono interessati alle caratteristiche uniche delle nostre nocciole.

Ma sulla questione c'è da registrare un altro fatto importante. Il 16 gennaio la Regione dell’Umbria ha emanato un bando per la creazione e lo sviluppo di una filiera corta regionale per il nocciolo tra imprese agricole e agroalimentari, a valere sul Psr 2014/2020.

"Si tratta di un passo importante verso l’implementazione della produzione corilicola nella regione - sottolinea Confagricoltura - , peraltro molto atteso da numerosi agricoltori, per i quali le colture tradizionali sono diventate sempre meno redditizie".
Di tutti i relativi vantaggi se ne è parlato in un incontro sul tema tenutosi nella sede di Confagricoltura Umbria in via Catanelli, 70 a Ponte San Giovanni.

A discuterne c'erano Fabio Rossi, Presidente di Confagricoltura Umbria, l’assessore regionale all’Agricoltura Fernanda Cecchini, Giuliano Polenzani, dirigente della Regione dell’Umbria per il Servizio innovazione, promozione, irrigazione, zootecnia e fitosanitario e gli altri soggetti che hanno avviato di recente un’azione di conoscenza e sviluppo della corilicoltura regionale.

foto pixabay.com